Il Digiuno Intermittente

E' utile per il dimagrimento?

Esistono diversi metodi per impostare una dieta a digiuno intermittente. I diversi metodi consistono nel dividere il giorno o la settimana in periodi di alimentazione e periodi di digiuno o mima digiuno. Il digiuno intermittente è un modello alimentare durante il quale non si assumono alimenti per un certo periodo di tempo che solitamente varia dalle 12 alle 40 ore. Questo approccio alimentare non fornisce indicazioni su quali cibi mangiare e in che quantità, ma unicamente quando assumerli. Durante il digiuno sono ammessi acqua, caffè e tè non zuccherati, ma non sono ammessi cibi solidi o bevande contenenti caloriecome succhi di frutta o bevande zuccherine.

Quante diete intermittenti ci sono?

Non esiste un unico modello di dieta del digiuno. I più popolari modelli di digiuno intermittente sono 5:

  1. Mangiare a tempo limitato:
    Implica il digiuno ogni giorno per 12 ore o più e il mangiare nelle ore rimanenti.
  2. Il metodo 16/8:
    È un digiuno giornaliero di 16 ore con una finestra di tempo di 8 ore per mangiare, in cui è possibile inserire 2, 3 o più pasti.
  3. La dieta 5:2:
    Prevede di mangiare normalmente 5 giorni della settimana e di limitare l'apporto calorico a 500-600 calorie (kcal) nei restanti 2 giorni.
  4. Il modello alimentare “ Eat Stop Eat 
    Prevede un digiuno di 24 ore una o due volte alla settimana.
  5. Digiuno a giorni alterni.
    Digiunare a giorni alterni, quindi 3 o 4 giorni a settimana, restano concessi acqua e bevande contenenti sali minerali, ma niente cibo o calorie.

I benefici

Per perdere peso, in adulti in sovrappeso od obesi, non è attualmente raccomandato seguire un digiuno intermittente, a causa della mancanza di studi a lungo termine sulla sicurezza e data l'eterogeneità dei protocolli attualmente in corso di indagine e i risultati contrastanti. Non vi sono chiare evidenze di convenienza ad adottare questo tipo di dieta per perdere peso in soggetti sovrappeso non patologici .

Tale approccio nutrizionale par dare, invece, benefici neuro cognitivi, fisiologici e cellulari clinicamente osservati, piuttosto che sul calo di peso. È importante sottolineare che il digiuno intermittente ha un'elevata utilità clinica potenziale: è semplice, pratico, facile da implementare e offre un'ampia gamma di applicabilità, è quindi comprensibile che il clinico lo possa adottare all’interno di un percorso terapeutico non a scopo di far perdere peso al paziente. L'implementazione clinica del digiuno intermittente rimane limitata, probabilmente a causa dell'eterogeneità dei regimi che sono stati studiati. La maggior parte dei regimi basati sul digiuno intermittente si allinea con uno dei modelli alimentari sopra descritti.

In pratica, i meccanismi citati indotti dal digiuno intermittente suggeriscono la possibilità di ridurre il rischio di importanti malattie come: diabete, malattie cardiovascolari, miglioramento della funzione cognitiva e sensitivo-motoria. La dieta del digiuno intermittente allevia i sintomi dei disturbi neurologici e dell'umore. I vantaggi del digiuno intermittente mirano direttamente a una serie di meccanismi associati a diversi stati dolorosi e condizioni di dolore cronico, piuttosto che al dimagrimento.

La dieta intermittente equilibrata

Se il digiuno intermittente può essere scelta nei casi di cui sopra, è assolutamente consigliabile consumare molti diversi alimenti per assumere tutti i nutrienti necessari al corpo umano, bilanciati tra loro secondo i canoni dell’equilibrata alimentazione ed eventualmente limitarsi a cambiare solo la frequenza quotidiana di consumo o intermittenza.

Dicono di me

Invia il tuo commento sul servizio che hai ricevuto a questo indirizzo:
dr@nutrizionistabergomi.it

Fammi sapere la tua opinione!

La mia alimentazione sregolata mi ha portato ad un aumento di peso davvero eccessivo. Grazie alla consulenza del dott. Bergomi ho imparato a gestire i miei pasti, soprattutto nei giorni in cui ho necessità di mangiare sul posto di lavoro. Sono tornata al mio peso forma senza rinunciare del tutto ai miei “peccati di gola”.
Laura M.
Conosco Williams da tanti anni in quanto sono stata sua paziente ed ora lo è anche mia figlia. Mi ha seguita anche durante la fase di svezzamento; è sempre disponibile a rispondere a ogni mio dubbio.
Micaela M.
Mi sono affidata al dott. Bergomi durante la preparazione atletica per una maratona; grazie alla combinazione di un’alimentazione adeguata e un’integrazione mirata ho raggiunto il mio traguardo. Sono pienamente soddisfatta della sinergia con cui abbiamo lavorato io, Williams e il mio coach.
Chiara C.
Il dott. Bergomi collabora con noi ormai da tre anni e non possiamo che ritenerci soddisfatti del suo operato. Sempre puntuale, educato e disponibile con i clienti.
Lo staff BeFit
Quando sono andato in studio dal dott. Bergomi ero in sovrappeso e avevo smesso di praticare lo sport che amo: il running. Mi ha fatto capire quanto l’alimentazione sia importante per mantenersi in salute ed è riuscito a motivarmi per riprendere l’attività fisica. Mi ha prescritto un piano nutrizionale, tenendo conto anche dei miei gusti e delle mie esigenze; i miglioramenti sono stati evidenti sin dall’inizio del percorso. Ho ripreso a correre e ho recuperato il mio peso forma.
Angelo R.
Mi sono affidata a Williams in quanto mi è stata diagnosticata un’intolleranza al glutine. Ho dovuto cambiare molti elementi della mia alimentazione quotidiana, ma grazie al suo aiuto è stato più semplice e “gustoso” del previsto. Assolutamente consigliato.
Anna B.
Nel suo accogliente Studio di Boffalora d’Adda, Williams riesce sempre ad accontentarmi con una dieta che si adegua ai miei ritmi frenetici tra lavoro, sport e palestra…! È un ragazzo che si aggiorna di continuo e lo si percepisce ad ogni visita, penso che difficilmente cambierò nutrizionista.
Dante D.

Ho letto l'[informativa] e acconsento al trattamento dei miei dati personali | * Campi obbligatori